BOERHAAVE Hermann

ELEMENTA CHEMIAE quae anniversario labore docuit... tomus primus qui continet historiam et artis theoriam...tomus secundus qui continet operationes chemicas... Parisiis, Apud Viduam& Filium Guillelmi Cavelier, 1753.

Altri dettagli


500,00 € tasse incl.

Due volumi in 4to; pp. 1 c.b, (12), 476, 17 tavole f.t con le carte di descrizione, (45), 1 c.b. ; (8), 346, (48), (4), 131, (3), 1 figura n.t. Testatine e capilettera xilografici. Legatura coeva in piena pelle; fogli di guardia e contropiatti in bella carta carta cailloutè con motivi a spirale; tagli rossi; titolo e fregi in oro al dorso; qualche abrasione alla legatura, mancanze alla cuffia superiore di entrambi i volumi; cerniera anteriore del primo tomo un poco segnata. Lieve alone da umidità al margine interno delle carte centrali e finali del secondo volume, altrimenti buon esemplare con pagine pulite.

Opera importante e assai apprezzata, in una edizione non comune a opera del medico, botanico e chimico Hermannus Boerhaave (1668-1738); originario di Leida, ove insegnò prima medicina poi anche botanica e chimica, tentò di conciliare i precetti di Ippocrate con i concetti della iatrochimica, rifiutando ogni impostazione tipico del dogmatismo scolastico. In ambito chimico, sostenitore di una teoria meccanicistica, tentò di spiegare molti fenomeni fisici basandosi sulla natura corpuscolare del fuoco della luce e dell’aria; apportò contributi significativi alla disciplina, soprattutto dal lato sperimentale, quali ad esempio la costruzione di bilance di precisione o l’implementazione di un nuovo metodo quantitativo per la misura delle temperature. Gli Elementa chemiae, pubblicati la prima volta nel 1732 e basati sulle lezioni accademiche dell’autore, rivestono un ruolo importante nella storia della chimica, soprattutto da un punto di vista della sistematizzazione delle conoscenze. Questa edizione si arricchisce degli Opuscola, mai pubblicati prima. 

Cfr. Castiglioni (p. 626): "... maestro della clinica medica del '700. La sua fama superò i confini europei e il Goldoni lo prese a modello per scrivere il suo Medico Olandese".

Garrison and Morton (73): His greatest work was Elementa chemiae, published at Leiden, 1732".

Carrello  

Nessun prodotto

Spedizione 0,00 €
Totale 0,00 €

Carrello Check out